ASHI – Corto Circuito Isterico

14,90

Corto Circuito Isterico è il racconto del vortice caotico in cui ruota la nostra società, sempre di corsa, iperperformante ed ipertrofica, analizzato da chi è nella favorevole condizione di ritrovarsi nella calma dell’occhio del ciclone. Accompagnato da un sound internazionale ma tutto cantato in italiano, il secondo album degli Ashi ci parla di come arrivare a fare ciò che ci piace davvero senza perderci fra mille paure e mille dubbi, senza farci ingannare o distrarre dalle mille luci che circondano la nostra vita, tra cui quella dei sempre più onnipresenti smartphone. Articolando un discorso coerente e appassionato, in un climax di ritmi sempre più graffianti che uniscono in maniera originale le sfumature sonore del rock, dell’indie e del cantautorato, Corto Circuito Isterico ci spinge a chiederci cosa sia l’identità, a riflettere sulla necessità di far partire il cambiamento da noi stessi. Un album mai monotono, caratteristica dovuta alla capacità degli Ashi di affondare le proprie radici rock e metal in terreni musicali fertili ma diversi tra loro e di contaminare lo sfondo melodico di base con un ampio spettro di generi: un disco maturo, equilibrato, tra leggerezza, elaborazione e sperimentazione.

Disponibile

COD: 3615931316570 Categorie: , , Tag: , , ,

Descrizione

Confezione CD con libretto di 12 pagine.

Brani

  1. La chiave
  2. Vorresti volere
  3. Numero uno
  4. All'unisono
  5. Corto circuito isterico
  6. Ditemi voi come si fa
  7. Identità
  8. Al tramonto
  9. Resisto
  10. Frequenze normali
  11. Nolenti
  12. Stridente autunno

DIGITAL STORES: in questi negozi potete acquistare la versione digitale del disco.

 

Acquista l'album in formato CD a EUR 10,90 e riceverai la versione MP3 senza costi aggiuntivi. AutoRip non è disponibile per album acquistati con l'opzione regalo.

Informazioni aggiuntive

Etichetta Discografica

Recensioni

  1. Eugenio Iannetta

    Da Melodylane.it:

    Genere: New rock
    Voto: 7,5/10

    Chi poteva immaginare che avremmo atteso tanto per un loro disco? Dalle prime apparizioni live del 2014 già si intravedeva il luccichio del diamante grezzo. Un’aria nuova e fresca con folate insistenti, provenienti dal monte del rock.Incuriositi dall’EP omonimo del 2016, l’attesa non è stata tradita. A distanza di due anni arriva “Corto Circuito Isterico” il primo full lenght dei romani Ashi. Un mix esuberante di rock, indie e cantautorato. Tutto in italiano, tutto molto frizzante, una brezza piacevole che inebria. Questo disco intende scuotere dal torpore quelle persone che vivono nel limbo, quelle che accettano passivamente tutto ciò che la vita ci propina, soprattutto nelle occasioni negative. Ecco, nell’album c’è un grido forte, un tentativo di ribellione a quel senso di adagio, all’accontentarsi e al lamentarsi delle cose che non vanno. È dedicato a tutti quelli che non hanno paura di gettarsi in nuove avventure, a quelli che sperimentano nuove strade, senza il rammarico di ciò che ci si lascia alle spalle. Forse solo con un corto circuito isterico si può veramente invertire la tendenza ad accettare passivamente la vita, iniziando a morderla, come lei fa con noi, quando tutto scorre così veloce da non rendersi conto del trascorrere del tempo, col magone in gola, spesso, per ciò che non è stato, per tutto quello che avremmo potuto ma non abbiamo avuto il coraggio di osare. Come ascoltiamo in “Vorresti Volere”, primo singolo estratto dal disco, “…la vita è un mozzico, scorre in un attimo e tu sei l’unico che può dare il giusto peso ad ogni momento, per restare tu l’attore e non soltanto un mero spettatore!”. Ecco, in questa frase possiamo, molto semplicemente, cercare di capire la filosofia del pensiero Ashi. Ma l’album regala mille emozioni, difficilmente spiegabili con una sola frase. Il vero corto circuito è quello che loro innescano tra l’interpretazione standard dei generi e quello che miscelano, pescando da radici rock/metal al fresco cantautorato italiano, condendo il tutto con quel pizzico di indie che oggi spopola, senza disprezzare quell’hard rock fine anni ’70 che la sua sporca figura la fa sempre, anche a distanza di quarant’anni. Dodici tracce che profumano di internazionalità, nonostante le forti radici nostrane, con un occhio oltre i confini del Bel Paese. Che esordio, complimenti.

    Eugenio Iannetta – Melodylane.it

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…